Podere Riosto: Pignoletto, ma non solo. A Pianoro, sulle colline bolognesi, sorge l’azienda di 16 ettari

Podere Riosto è una delle realtà vinicole più interessanti dei Colli Bolognesi. A pochi chilometri daBologna,nel comune di Pianoro, sorge l’azienda circondata dai caratteristici calanchi e immersa nella rigogliosa vegetazione.

In totale sono 16 gli ettari vitati, suddivisi in 24 vigneti specialistici tutti a un’altitudine di circa 350 metri s.l.m., che contribuiscono a creare splendidi panorami ma soprattutto danno vita ad alcune delle eccellenze enologiche del territorio: in primis il Pignoletto – nelle tipologie fermo, frizzante e spumante - ma anche alcuni rossi eccellenti. E l’intraprendenza che si respira fra le vigne e nelle cantine del Podere Riosto, ha portato anche alla sperimentazione sul clone autoctono della “Vite centenaria del Fantini”, riscoperto e salvaguardato proprio grazie alla passione dei titolari dell’azienda di Pianoro, la famiglia Galletti Franceschini.

La diversa tessitura del terreno (franco-sabbioso), il microclima caratterizzato da estati soleggiate e inverni nevosi e le diverse esposizioni dei vigneti (Sud, Sud/Est e Sud Ovest con buona ventilazione), fanno sì che le uve sviluppino caratteristiche gusto-olfattive differenti, uniche e peculiari di questo territorio particolarmente vocato per la vitivinicoltura. Caratteristiche inconfondibili che si ritrovano poi nel vino, plasmate anche grazie all’attento lavoro svolto nella vigna - dove si ottengono bassa rese per ettaro anche con il diradamento manuale dei grappoli – e nella cantina – dotata delle tecnologie più avanzate per applicare le tecniche più innovative - sotto la guida dell’esperto enologo Mariano Pancot.

 

Nel dettaglio i vitigni presenti in azienda, per la produzione di vini DOC dei Colli Bolognesi, sono: Pignoletto (5,41 ettari), Sauvignon (2,06 ettari), Chardonnay (0,96 ettaro), Barbera (2,72 ettari), Cabernet (2,70 ettari), Merlot (1,34 ettari), ai quali si aggiunge la Vite del Fantini (0,66 ettari).


I vini bianchi prodotti sono: Pignoletto frizzante, Pingoletto superiore, Chardonnay, Doraluce (Sauvignon Blanc), Stilla (Pignoletto 33 %, Chardonnay 33 %, Sauvignon 33 %).

I vini rossi: Barbera, Barbera frizzante, Cabernet, Merlot, Aquilante (Barbera 60%, Cabernet Sauvignon 30%, Merlot 10 %), Grifone (90% Cabernet selezione e 10% Merlot), Medoro (Merlot), Gaudio (Taglio Bordolese: Cabernet Sauvignon 50%, Merlot 50%), Vecchio Riosto (Vite del Fantini).

Gli spumanti: Riosto Pignoletto, For Your (Vite del Fantini).

Le bottiglie prodotte all’anno sono circa 80.000.

 

I vini bianchi vengono ottenuti attraverso l'impiego di tecniche innovative che prevedono la vinificazione in assenza di anidride solforosa e mediante l'applicazione in vigneto della DMR (doppia maturazione ragionata). Le uve vengono sottoposte alla macerazione pellicolare al fine di estrarre il massimo potenziale aromatico e contribuire alla longevità e serbevolezza del futuro vino.

Gli spumanti subiscono un processo di fermentazione controllata a bassissima temperatura.
I vini rossi si esprimono al massimo attraverso una calibrata macerazione effettuata nel rotovinificatore. Successivamente i vini saranno selezionati e in parte, come avviene anche per i bianchi, sottoposti all’affinamento in botti di rovere di Slavonia e in barrique di rovere francese di Allier, dove vi permangono per circa 2 anni.

 

Podere Riosto si trova a Pianoro (BO) via di Riosto 12-24  http://www.podereriosto.it/